Giovedì, 04 Maggio 2017 13:18

Cori in esilio / Piesn Pamieci

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Martedi 9 maggio 2017 alle ore 19,30 al Cinema Trevi, vicolo del Puttarello 25, verrà proiettato il docu-film Cori in esilio di Piesn Pamieci. L'evento è organizzato in collaborazione con l’Istituto Polacco di Roma e della Cineteca Nazionale. Mercoledì 10 maggio dalle ore 10 alle 18, si svolgerà nella sede dell'Istituto Polacco, via Vittoria Colonna 1, il Laboratorio di Canto Modale (Canto Armeno) sotto la direzione di Aram e Virginia Kerovpyan - i protagonisti del film.

Martedi 9 maggio 2017 alle ore 19,30 al Cinema Trevi, vicolo del Puttarello 25, verrà proiettato il docu-film Cori in esilio di Piesn Pamieci. L'evento è organizzato in collaborazione con l’Istituto Polacco di Roma e della Cineteca Nazionale. Mercoledì 10 maggio dalle ore 10 alle 18, si svolgerà nella sede dell'Istituto Polacco, via Vittoria Colonna 1, il Laboratorio di Canto Modale (Canto Armeno) sotto la direzione di Aram e Virginia Kerovpyan - i protagonisti del film.

 

Questo film è il frutto di una coproduzione tra touchFILMS (Wroclaw), Borak Films (Bruxelles) et Les Production du Lagon (Marseille).
In tutto è durata sette anni e abbiamo girato molto regolarmente all’Istituto Grotowski, a Wroclaw (dal 2010 al 2013 e in Armenia Storica durante tutte le fasi dell’elaborazione dello spettacolo teatrale Armine, Sister del TeatrZAR).

 
Sarà presente in sala la produttrice Aleksandra Wojtaszek che, sin dall’inizio, ha voluto coprodurre questo documentario con noi; presenti anche Aram e Virginia Kerovpyan, i protagonisti del film.

Il film è un viaggio iniziatico sulle tracce di una tradizione culturale che rischia di scomparire CORI IN ESILIO / PIEŚŃ PAMIĘCI racconta con pudore, con canti, con parole e nel silenzio dei corpi che abitano resti di chiese e campi di villaggi fantasmi, il genocidio degli Armeni (Le Monde).

Il film offre uno sguardo pieno di speranza: il canto può nuovamente salire verso il cielo, far risuonare lo spazio, ridare al tempo umano senso e bellezza.

I registi ritrovano il Paradiso perduto degli Armeni e fanno del loro film solare e ombroso un Tempo ritrovato (Grégoire Jakhian).


SINOSSI
Aram e Virginia, coppia di Armeni della diaspora, trasmettono ad una troupe di attori europei, una antichissima tradizione di canto che rischia di scomparire.
Per la creazione di un opera teatrale, la coppia accompagna la troupe in Anatolia dove la civiltà Armena è stata distrutta.
Durante il viaggio, le domande degli attori fanno riemergere la ricchezza di questa cultura : il Canto diventa lingua di creazione e di rinascita, soffio di vita.

Informazioni aggiuntive

  • data inizio: Martedì, 09 Maggio 2017
  • data fine: Mercoledì, 10 Maggio 2017
  • Depubblicazione homepage: Giovedì, 11 Maggio 2017
Letto 952 volte
Leila D

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.