Mercoledì, 12 Giugno 2019 14:48

Afrofobia. Razzismi vecchi e nuovi In evidenza

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Venerdì 14 giugno 2019 alle 18.30 in via di Santa Cecilia, 1/a GRIOT presenta il saggio di Mauro Valeri Afrofobia. Razzismi vecchi e nuovi (Fefè editore). L'autore Mauro Valeri dialogherà con l'editore Leonardo De Sanctis. Nei documenti ufficiali ONU e UE si fa sempre più uso del termine afrofobia per indicare “paura eccessiva” e avversione nei confronti di africani e afrodiscendenti. In realtà il razzismo moderno nei confronti dei neri ha origine molto antica e mutazioni recentissime. Il libro ricostruisce, attraverso un’analisi storica e sociologica, le metamorfosi del razzismo da quello schiavista a quello coloniale, da quello di Stato a quello democratico, da quello ribaltato a quello di guerra. Con particolare attenzione al razzismo italiano dal 1860 ad oggi.

Venerdì 14 giugno 2019 alle 18.30 in via di Santa Cecilia, 1/a GRIOT presenta il saggio di Mauro Valeri Afrofobia. Razzismi vecchi e nuovi (Fefè editore). L'autore Mauro Valeri dialogherà con l'editore Leonardo De Sanctis. Nei documenti ufficiali ONU e UE si fa sempre più uso del termine afrofobia per indicare “paura eccessiva” e avversione nei confronti di africani e afrodiscendenti. In realtà il razzismo moderno nei confronti dei neri ha origine molto antica e mutazioni recentissime. Il libro ricostruisce, attraverso un’analisi storica e sociologica, le metamorfosi del razzismo da quello schiavista a quello coloniale, da quello di Stato a quello democratico, da quello ribaltato a quello di guerra. Con particolare attenzione al razzismo italiano dal 1860 ad oggi.

GRIOT
via di Santa Cecilia, 1/a

Informazioni aggiuntive

  • data inizio: Venerdì, 14 Giugno 2019
  • data fine: Venerdì, 14 Giugno 2019
  • Indirizzo: via di Santa Cecilia, 1/a - Roma
  • Depubblicazione homepage: Sabato, 15 Giugno 2019
Letto 107 volte Ultima modifica il Mercoledì, 12 Giugno 2019 14:57
Show Street View
Giorgia DM

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.