Mercoledì, 19 Dicembre 2012 12:42

Senadin Musabegovic

Vota questo articolo
(0 Voti)

Nato nel 1970 a Sarajevo, dove vive, Senadin Musabegovic durante l’assedio della città (1992-1995), ha combattuto nelle file dell’esercito bosniaco e ha cominciato a scrivere saggi, poesie e racconti. Dopo la guerra è arrivato a Siena, in Italia, dove ha finito gli studi presso la locale Facoltà di Lettere e Filosofia. Ha pubblicato nel 1995 il primo libro, Udarci tijela.

Nato nel 1970 a Sarajevo, dove vive, Senadin Musabegovic durante l’assedio della città (1992-1995), ha combattuto nelle file dell’esercito bosniaco e ha cominciato a scrivere saggi, poesie e racconti. Dopo la guerra è arrivato a Siena, in Italia, dove ha finito gli studi presso la locale Facoltà di Lettere e Filosofia. Ha pubblicato nel 1995 il primo libro, Udarci tijela.

La sua seconda opera, Odrastanje domovine, è del 1999. Con quest’ultimo libro, considerato il migliore pubblicato in tutto il Paese nel 1999, ha vinto il premio dall’Associazione degli scrittori della Bosnia Herzegovina. L’opera è stata tradotta in Francia col titolo Grandissement de la patrie. Il suo terzo libro, Rajska lopata, è del 2004. Oggi insegna presso la Facoltà di Lettere e Filosofia di Sarajevo e presso l’Università Dzemal Bijedic di Mostar. Per Infinito edizioni ha pubblicato La polvere sui guanti del chirurgo (2007). 

“La gioventù di Senadin Musabegović è stata di restare vivo e buttare giù versi in lingua slava, ben adatta e benedetta dalla poesia. I due risultati, tenersi in vita e scrivere, sono eccellenti, perché cuciti insieme. Qui c’è il filo di sutura non sterilizzata. E la mano inguantata del chirurgo è impolverata a sangue.”  (dalla prefazione di Erri De Luca). 

 

Letto 1614 volte Ultima modifica il Mercoledì, 19 Dicembre 2012 13:07
Altro in questa categoria: « Elvira Mujcic Bozidar Stanisic »