Martedì, 11 Settembre 2018 15:46

The Men behind the Wall e incontro con la regista Ines Moldavsky In evidenza

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Giovedì 13 settembre 2018 alle ore 21 presso la Casa Internazionale delle Donne, via della Lungara 19, verrà proiettato The Men behind the Wall, vincitore dell'Orso d'oro 2018 per i cortometraggi a Berlino, di Ines Moldavsky, giovane regista israeliana, che sarà presente all'incontro. Nel suo docufilm Ines Moldavsky ha scelto di dare appuntamento a ragazzi palestinesi che avrebbe potuto conoscere solo attraverso l’app di Tinder, scoprendo che a pochi km da lei esistono uomini meravigliosi, gentili che la propaganda e la paura dipinge come terroristi. L’incontro è organizzato da Radio Bullets, una testata giornalistica specializzata in esteri e podcast, in collaborazione con Geomovies e con la CID. Saranno presenti numerose ospiti.

Giovedì 13 settembre 2018 alle ore 21 presso la Casa Internazionale delle Donne, via della Lungara 19, verrà proiettato The Men behind the Wall, vincitore dell'Orso d'oro 2018 per i cortometraggi a Berlino, di Ines Moldavsky, giovane regista israeliana, che sarà presente all'incontro. Nel suo docufilm Ines Moldavsky ha scelto di dare appuntamento a ragazzi palestinesi che avrebbe potuto conoscere solo attraverso l’app di Tinder, scoprendo che a pochi km da lei esistono uomini meravigliosi, gentili che la propaganda e la paura dipinge come terroristi. L’incontro è organizzato da Radio Bullets, una testata giornalistica specializzata in esteri e podcast, in collaborazione con Geomovies e con la CID. Saranno presenti numerose ospiti.

Nell’incontro alla Casa Internazionale delle Donne si parlerà di quanto sia necessario raccontare storie, persone, emozioni per spiegare il mondo, per contrastare la deriva razzista, omofoba, islamofoba e populista che sembra insinuarsi nella nostra vita.

“Per informare sul mondo bisogna attraversarlo, sentirlo, scriverlo, vederlo: che si parli di musica, informazione, società o cinema. Si può raccontare perfino un conflitto attraverso appuntamenti amorosi”, spiega la direttrice di Radio Bullets, l’inviata di guerra Barbara Schiavulli. “Grazie a internet si possono abbattere barriere e confini come mai si era immaginato: amore, barriere, sesso. Internet è più avanti della politica?”

Dopo la proiezione del film, dialogheranno con la regista Ines Moldavsky:

Barbara Schiavulli, inviata di guerra e direttrice di Radio Bullets.
Ha vissuto in Israele e Palestina e non ha mai dovuto affrontare quel muro virtuale e non, ideologico e fisico che divide gli israeliani dai palestinesi. "I giornalisti possono andare da una parta all’altra, raccontare gli uni e gli altri, ma il vero muro da superare anche per chi viene da fuori, è il pregiudizio"

Mariangela Matonte, esperta di cinema e geopolitica.
Spiegherà come il cinema abbatte le barriere e i pregiudizi, e di come oggi, attraverso l’arte cinematografica, si possano abbattere ideologie e convinzioni.

Tiziana Ciavardini, antropologa esperta di Iran.
Parlerà anche lei delle barriere ideologiche e religiose che tendono a tenere separate le relazioni tra i giovani, ma senza farcela veramente: trasformando la società giovanile iraniana in qualcosa che ha dimensione esterna molto moderata, e incredibilmente audace dentro le case.

Modera Angela Gennaro, giornalista ed esperta di violenza di genere

INFO
Radio Bullets ogni giorno racconta il mondo in un notiziario di dieci minuti con una raffica di notizie che non vengono raccontate dai media nazionali. E lo fa anche con reportage e approfondimenti grazie a giornalisti ed esperti.

L'evento è co-organizzato dalla Casa Internazionale delle Donne di Roma.

Casa Internazionale delle Donne
via della Lungara, 19
tel. 06 68401720

Informazioni aggiuntive

  • data inizio: Giovedì, 13 Settembre 2018
  • data fine: Giovedì, 13 Settembre 2018
  • Indirizzo: via della Lungara 19 roma
  • Depubblicazione homepage: Venerdì, 14 Settembre 2018
Letto 286 volte Ultima modifica il Martedì, 11 Settembre 2018 15:57
Show Street View
Alice D

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.