Martedì, 08 Settembre 2020 11:09

Giornata Iran 2020 ai Giardini della Filarmonica In evidenza

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Giovedì 10 settembre 2020 presso i Giardini della Filarmonica Romana, via Flaminia 118, si tiene la Giornata Iran 2020, organizzata in collaborazione con Associazione Culturale Italo Iraniana Alefba, Rassegna Cinematografica Operazione Peace Dreaming e Taberna Persiana. Alle 17.30 Testimonio, quindi esistoInstallazione a cura di Collettivo RAVI. Alle 20.45 Dreaming Peace and justice - musica e performance teatrale a cura di Barbad Project e RomeOrient Ensemble dedicato a Nasrin Sotoudeh, avvocata iraniana per i diritti umani.

Giovedì 10 settembre 2020 presso i Giardini della Filarmonica Romana, via Flaminia 118, si tiene la Giornata Iran 2020, organizzata in collaborazione con Associazione Culturale Italo Iraniana Alefba, Rassegna Cinematografica Operazione Peace Dreaming e Taberna Persiana. Alle 17.30 Testimonio, quindi esisto - Installazione a cura di Collettivo RAVI. Alle 20.45 Dreaming Peace and justice - musica e performance teatrale a cura di Barbad Project e RomeOrient Ensemble dedicato a Nasrin Sotoudeh, avvocata iraniana per i diritti umani.

L’installazione è ispirata all’opera dell’artista/attivista iraniana Parastou Forouhar dal titolo "Documentation (dal 1999)". L'artista in quel’opera attraverso lettere, articoli dei giornali, interviste, i comunicati stampa, corrispondenza con politici, funzionari ed istituzioni offre ai visitatori informazioni sull'inchiesta dell'omicidio politico dei suoi genitori in Iran.

Il “Collettivo Ravi” invece, presso gli spazi dell'Accademia Filarmonica Romana cerca di mettere insieme frammenti di un archivio in divenire che sembra di essere strappato in pezzi. Sottolinea casi sociali e politici dimenticati ed anche quelli in atto. La documentazione del Collettivo Ravi è quella parte di Heimat che vogliamo denunciare, è quella parte soffocante della casa che amiamo. Così, insieme a voi vogliamo riflettere sulle voci, immagini e parole dei testimoni che subiscono l'ingiustizia. Perché solo attraverso le testimonianze possiamo denunciare ciò che non doveva e non deve più succedere.

Detto con le parole di Primo Levi: “Meditate che questo è stato”

 

 

 

Informazioni aggiuntive

  • data inizio: Giovedì, 10 Settembre 2020
  • data fine: Giovedì, 10 Settembre 2020
  • Indirizzo: via Flaminia, 118
  • Depubblicazione homepage: Venerdì, 11 Settembre 2020
Letto 97 volte Ultima modifica il Martedì, 08 Settembre 2020 12:41
Show Street View
Federica Q

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Altro in questa categoria: « Conversazioni sull'Iran Sedici parole »