Martedì, 20 Giugno 2017 11:23

Prima esposizione dell'artista rifugiato nigeriano Fasasi In evidenza

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Dal 26 al 28 giugno 2017 dopo mesi di intenso lavoro saranno per la prima volta presentate al pubblico le 15 sculture in terracotta dipinta con acrilici di Fasasi: giovane rifugiato nigeriano ospite del Centro di Accoglienza SPRAR Casa Benvenuto di In Migrazione e Acisel. Sarà possibile visitare la mostra allestita presso il Centro Cittadino per le Migrazioni di Via Assisi, 41 (dalle ore 10 alle 18). Ingresso gratuito.
Sculture autobiografiche che raccontano il pericoloso viaggio nel Mediterraneo, percorso obbligatorio per chi è stato costretto a scappare dalla propria terra. Fuga e difficoltà ma anche la speranza, traspirano dalle opere d’arte: la speranza di chi giunge in Italia, un porto sicuro dove ricostruire la propria vita. Così è iniziato l’inedito percorso per l’inclusione di Fasasi, riscoprendo e sviluppando la sua passione mai sopita: la scultura e l’arte.

Dal 26 al 28 giugno 2017 dopo mesi di intenso lavoro saranno per la prima volta presentate al pubblico le 15 sculture in terracotta dipinta con acrilici di Fasasi: giovane rifugiato nigeriano ospite del Centro di Accoglienza SPRAR Casa Benvenuto di In Migrazione e Acisel. Sarà possibile visitare la mostra allestita presso il Centro Cittadino per le Migrazioni di Via Assisi, 41 (dalle ore 10 alle 18). Ingresso gratuito.
Sculture autobiografiche che raccontano il pericoloso viaggio nel Mediterraneo, percorso obbligatorio per chi è stato costretto a scappare dalla propria terra. Fuga e difficoltà ma anche la speranza, traspirano dalle opere d’arte: la speranza di chi giunge in Italia, un porto sicuro dove ricostruire la propria vita. Così è iniziato l’inedito percorso per l’inclusione di Fasasi, riscoprendo e sviluppando la sua passione mai sopita: la scultura e l’arte.

Sculture autobiografiche che raccontano il pericoloso viaggio nel Mediterraneo, percorso obbligatorio per chi è stato costretto a scappare dalla propria terra. Fuga e difficoltà ma anche la speranza, traspirano dalle opere d’arte: la speranza di chi giunge in Italia, un porto sicuro dove ricostruire la propria vita. Così è iniziato l’inedito percorso per l’inclusione di Fasasi, riscoprendo e sviluppando la sua passione mai sopita: la scultura e l’arte.
L’esposizione si inserisce in "RifugiArti", progetto di In Migrazione teso ad incrociare talenti tra i rifugiati garantendo uno spazio protetto di crescita e sviluppo di un futuro attraverso l’arte.
I ricavi dalla vendita delle sculture saranno utilizzati per l’autonomia lavorativa di Fasasi e per finanziare questo ambizioso progetto.
La mostra è promossa da In Migrazione in collaborazione con Casa Scalabrini 634, lo SPRAR, Programma integra e Roma Capitale.
L’evento è inserito nell'ambito della Giornata mondiale del rifugiato #WithRefugees dell'UNHCR.

Centro Cittadino per le Migrazioni
Via Assisi, 41
Per informazioni:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Mostra Fasasi


Informazioni aggiuntive

  • data inizio: Lunedì, 26 Giugno 2017
  • data fine: Mercoledì, 28 Giugno 2017
  • Indirizzo: Via Assisi, 41 - Roma
  • Depubblicazione homepage: Giovedì, 29 Giugno 2017
Letto 643 volte Ultima modifica il Martedì, 20 Giugno 2017 11:45
Show Street View
Giorgia DM

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.