Venerdì, 05 Luglio 2013 09:23

Siria. Avventure in un paese negato

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Gli albori della storia delle civiltà del Mediterraneo si ritrovano nelle antiche città della Siria. La maestosità degli scavi archeologici e delle splendide realtà antiche portate allo scoperto dal certosino lavoro degli archeologi di tutto il mondo ha da sempre dato alla Siria lo scettro di culla della civiltà.

Il punto di vista scelto è quello delle persone che questi territori li hanno vissuti e attraversati con lo spirito della scoperta. Oltre ai viaggiatori di Avventure nel Mondo una grande testimonianza è quella del padre gesuita Paolo Dall'Oglio che ha firmato la prefazione dell'ebook. Questi, da sempre impegnato nel dialogo interreligioso, ha fatto rinascere il monastero siriaco di Deir Mar Musa situato a nord della capitale Damasco salvo poi essere espulso dal paese per volontà del regime il 12 giugno 2012.

Gli albori della storia delle civiltà del Mediterraneo si ritrovano nelle antiche città della Siria. La maestosità degli scavi archeologici e delle splendide realtà antiche portate allo scoperto dal certosino lavoro degli archeologi di tutto il mondo ha da sempre dato alla Siria lo scettro di culla della civiltà.

Il punto di vista scelto è quello delle persone che questi territori li hanno vissuti e attraversati con lo spirito della scoperta. Oltre ai viaggiatori di Avventure nel Mondo una grande testimonianza è quella del padre gesuita Paolo Dall'Oglio che ha firmato la prefazione dell'ebook. Questi, da sempre impegnato nel dialogo interreligioso, ha fatto rinascere il monastero siriaco di Deir Mar Musa situato a nord della capitale Damasco salvo poi essere espulso dal paese per volontà del regime il 12 giugno 2012.

Ad est il deserto e i fiumi che hanno dato i natali alla storia che tutti noi abbiamo studiato sui libri di scuola e non solo. Tra questi villaggi e insediamenti umani dai costumi e dalle tradizioni uniche. Ad ovest il mare e i "confini caldi" con Libano e Israele che da sempre infiammano la regione del Medio oriente.

 


La Siria sta vivendo un momento drammatico della sua storia ultramillenaria. Nei luoghi dove è stato ritrovato il primo "alfabeto" della storia adesso impazzano i combattimenti tra i soldati del regime e le schiere di ribelli. Intorno alle file chilometriche di colonne e capitelli antichi, ben più maestosi anche dei Fori Imperiali romani, tutto intorno agli antichi teatri e alle splendide rovine di cui la Siria è costellata si sta consumando una delle peggiori tragedie del XXI° secolo. Non solo perché durante l'atroce e incomprensibile guerra che il popolo siriano sta vivendo sono già morti oltre 100.000 abitanti del paese, non solo perché altre centinaia di migliaia di persone sono in fuga oltre confine in condizioni veramente difficili nei campi profughi allestiti soprattutto in Turchia e Giordania. La terza grande tragedia che sta vivendo la Siria in questi mesi di conflitto è quella relativa ai suoi tesori.

La splendida città di Aleppo, la sorprendente Apamea, Palmira (già Tadmor nell'antichità) patrimonio dell'UNESCO sono state in parte o del tutto distrutte da bombardamenti, combattimenti e atti di sciacallaggio denunciati da tempo dalla stampa e dalle organizzazioni umanitarie di tutto il mondo. Ma le denunce non hanno mutato la sorte amara di questi tesori. Le radici della Siria e del suo popolo, quelle che affondano nella notte dei tempi e che fino ad un paio di anni fa restituivano all'umanità la loro incantevole bellezza, stanno vivendo una fase di estrema distruzione di cui, nel momento in cui "Siria. Avventure in un paese negato" viene pubblicato, non si vede la fine.

La Siria adesso è un paese impossibile da visitare. Un luogo negato all'uomo dalla follia dell'uomo stesso. A causa di questo rischiano di venire meno immensi patrimoni di tutta l'umanità.

Ma, come detto, fino a poco tempo fa le strade e le piste del deserto in Siria venivano solcate e attraversate da fior fior di viaggiatori . Avventurosi o meno non esiste persona che abbia visitato questo incantevole angolo di mondo senza rimanerne estremamente affascinato. Quasi abbagliato dal valore storico e umano delle sue ricchezze e della sua umanità. Non certo uomini e donne aggressivi e pronti al combattimento, ma siriani accoglienti e gentili che vivevano le differenze sociali e religiose in un clima di profonda accettazione e solidarietà reciproca.

L'ebook Siria. Avventure in un paese negato serve a mantenere viva la memoria di questo splendore unico al mondo nella speranza che il prima possibile cessino le ostilità tra i tanti gruppi in guerra e chiunque al mondo possa tornare ad ammirare le testimonianze di una civiltà millenaria che ha dato i natali a tutte le culture del moderno bacino del Mar Mediterraneo e dell'Occidente tutto.



Siria. Avventure in paese negato è un'ode alle ricchezze naturali, archeologiche, storiche e culturali di uno dei paesi più atrocemente negato alla curiosità degli uomini. Nove viaggiatori vi accompagneranno con i loro racconti e le loro foto tra le magnificenze del paese più affascinante del Medio Oriente.

Le foto presenti all'interno dell'ebook sono concesse da Viaggi Avventure nel Mondo.

Siria. Avventure in un paese negato è il secondo titolo della collana tematica che Asterisk edizioni, in collaborazione con Viaggi Avventure nel Mondo, realizza per raccontare attraverso gli occhi dei viaggiatori quei paesi negati dalle guerre degli uomini contro gli uomini.

Gli autori: Brunello D’Urso, Giancarlo De Sanctis, Laura Formiglio, Bianca Franco, Salvatore Ganci, Rosa Montesanto, Marco Ortalda, Paolo Ricci, Franco Ruggieri

Informazioni aggiuntive

Letto 2119 volte Ultima modifica il Martedì, 09 Luglio 2013 11:28