Lunedì, 09 Marzo 2009 01:00

Roma periSferica

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
Roma periSferica Roma periSferica
Verso la fine degli anni Sessanta Franco Ferrarotti e la sua équipe si recavano nelle periferie della capitale in piena espansione edilizia ed economica per osservarne gli effetti sociologici.
Scoprivano in tal modo le difficili condizioni di vita di molte persone, costrette a vivere in zone prive di servizi o in baraccopoli venute su spontaneamente. Da allora Roma è stata molte volte considerata un laboratorio sociale, da analizzare con strumenti e teorie delle scienze sociali, al fine di comprendere i fenomeni economici, politici e culturali presenti sul territorio.
Queste dinamiche sociali sono inserite nella storia recente, in cui la città contemporanea, come sistema urbano, ha mutato le sue caratteristiche strutturali e sociali, diventando un nodo della rete globale.
A distanza di oltre 30 anni il sociologo e i suoi collaboratori si sono recati nuovamente in quelle zone per comprendere le dimensioni sociali del cambiamento.
La città, le periferie, gli immigrati, la scuola.

Verso la fine degli anni Sessanta Franco Ferrarotti e la sua équipe si recavano nelle periferie della capitale in piena espansione edilizia ed economica per osservarne gli effetti sociologici.
Scoprivano in tal modo le difficili condizioni di vita di molte persone, costrette a vivere in zone prive di servizi o in baraccopoli venute su spontaneamente.
Da allora Roma è stata molte volte considerata un laboratorio sociale, da analizzare con strumenti e teorie delle scienze sociali, al fine di comprendere i fenomeni economici, politici e culturali presenti sul territorio.
Queste dinamiche sociali sono inserite nella storia recente, in cui la città contemporanea, come sistema urbano, ha mutato le sue caratteristiche strutturali e sociali, diventando un nodo della rete globale.
A distanza di oltre 30 anni il sociologo e i suoi collaboratori si sono recati nuovamente in quelle zone per comprendere le dimensioni sociali del cambiamento.
Le periferie romane mostrano attualmente un profilo socio-economico molto differente. Le trasformazioni vengono lette attraverso il confronto tra il locale e il globale, capace di interpretare con maggiore efficacia le istanze di una società pluriculturale, in cui gli immigrati non vengono più da altre regioni d’Italia, ma da altre zone del mondo.
L’istituzione che più rappresenta il terreno di incontro tra vecchi e nuovi residenti è la scuola.
È in questo tipo di ambiente che si attuano gli sforzi più concreti e le strategie socialmente più diffuse per elaborare i cambiamenti sociali, nella dimensione quotidiana del viversi accanto.
Roma periSferica, come molte altre città del mondo, contiene in sé persone che vengono da mondi altri: questa è la sfida attuale della sua globalità.

Informazioni aggiuntive

Letto 633 volte Ultima modifica il Mercoledì, 30 Giugno 2010 15:39