Martedì, 29 Dicembre 2020 12:11

Urla dal cuore In evidenza

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ci sono momenti in cui è impossibile trattenere dentro di sé emozioni e pensieri, e allora è giusto urlarli a voce spiegata, perché gli altri sentano, riflettano e, forse, comprendano. Con questa silloge poetica, Abdoulaye Thiam ci fa partecipi del suo orgoglio di essere africano e delle tradizioni di un grande continente, ma anche della sua rabbia, dell’umiliazione di un profugo che, senza colpa, ha dovuto lasciare le sue terre violentate dalle multinazionali, quell’Africa ricca ma le cui risorse non vanno a favore del suo popolo.

Ci sono momenti in cui è impossibile trattenere dentro di sé emozioni e pensieri, e allora è giusto urlarli a voce spiegata, perché gli altri sentano, riflettano e, forse, comprendano. Con questa silloge poetica, Abdoulaye Thiam ci fa partecipi del suo orgoglio di essere africano e delle tradizioni di un grande continente, ma anche della sua rabbia, dell’umiliazione di un profugo che, senza colpa, ha dovuto lasciare le sue terre violentate dalle multinazionali, quell’Africa ricca ma le cui risorse non vanno a favore del suo popolo. Anche l’amore diventa un urlo, la tenerezza per una donna, il bisogno di fraternità, il rimpianto struggente per la madre scomparsa. Infine, ad alta voce, ci dice le sue speranze per un futuro di pace e di prosperità, di un mondo pacifico e solidale in cui i bambini non siano più costretti a imbracciare armi, ma non soffrano la fame, non muoiano di malattie infantili, vadano tutti a scuola. E ci dice anche dov’è rimasto il suo cuore. Perché una persona può espatriare, ma il suo cuore no.

Informazioni aggiuntive

Letto 81 volte Ultima modifica il Martedì, 29 Dicembre 2020 12:25