Martedì, 17 Ottobre 2017 15:00

Colori nel mare

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

“Volevo dipingere solo il blu del mare, poi mi sono accorto che nel mare c’erano tante storie, tanti sogni, tanti colori. E il blu”. Queste le parole impresse sulla quarta di copertina di Colori nel mare. Un albo illustrato, nel quale con poche parole e meravigliose illustrazioni Fuad Aziz racconta il viaggio difficile intrapreso da migliaia e migliaia di persone. Donne, uomini, bambini, giovani e anziani costretti a fuggire via da guerre, miseria e disperazione. Privati dello stretto necessario per vivere, in termini materiali o di diritti fondamentali, per i quali dunque il viaggio diventa il sogno, un sogno che è l’unico mezzo per resistere e sopravvivere.

“Volevo dipingere solo il blu del mare, poi mi sono accorto che nel mare c’erano tante storie, tanti sogni, tanti colori. E il blu”. Queste le parole impresse sulla quarta di copertina di Colori nel mare. Un albo illustrato, nel quale con poche parole e meravigliose illustrazioni Fuad Aziz racconta il viaggio difficile intrapreso da migliaia e migliaia di persone. Donne, uomini, bambini, giovani e anziani costretti a fuggire via da guerremiseria e disperazione. Privati dello stretto necessario per vivere, in termini materiali o di diritti fondamentali, per i quali dunque il viaggio diventa il sogno, un sogno che è l’unico mezzo per resistere e sopravvivere. E il mare rappresenta l’unica strada verso la speranza, quella che li accoglie e li porta verso un giorno diverso, sconosciuto, migliore; il mare aperto che non hanno mai visto prima, che non vedono solo “blu” come lo vediamo noi; perché il mare ha tanti colori, ogni colore è una storia da raccontare, una cultura da imparare, un nuovo pericolo da affrontare. La necessità coincide con la scoperta continua, per tutti.
“Questa realtà drammatica che macchia irreparabilmente questo nostro tempo è chiamata Emergenza.
Falsamente. È, in realtà, un problema politico e soprattutto economico. Negli ultimi anni assistiamo, infatti, ad una politica basata sulla destabilizzazione di popoli e paesi e sullo sfruttamento delle terre ricche di risorse in cui questi popoli vivono”, scrive Aziz in una nota al libro.

Informazioni aggiuntive

Letto 300 volte Ultima modifica il Martedì, 17 Ottobre 2017 15:15