Lunedì, 02 Agosto 2010 16:49

Io... donna... immigrata. Volere dire scrivere

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Attraverso le storie di tre donne immigrate, Drasla, Alina e Farida, quest'opera al femminile illumina la complessità emotiva di chi lascia il proprio paese di origine. Intense le voci delle protagoniste, impegnate a conservare la propria identità e i propri progetti di vita e a confrontarsi con una realtà sociale e culturale che spesso non le contempla.

Attraverso le storie di tre donne immigrate, Drasla, Alina e Farida, quest'opera al femminile illumina la complessità emotiva di chi lascia il proprio paese di origine. Intense le voci delle protagoniste, impegnate a conservare la propria identità e i propri progetti di vita e a confrontarsi con una realtà sociale e culturale che spesso non le contempla. Il testo riflette sulla necessità, per la società contemporanea, di confrontarsi con l'alterità, di mettersi in relazione con il diverso, relativizzando il pensiero assolutistico delle culture occidentali. Una premessa necessaria alla creazione di una società interculturale basata sullo scambio e sul dialogo.

Informazioni aggiuntive

  • Anno: 2003
  • Autore: Valentina Akava Mmaka
Letto 776 volte Ultima modifica il Lunedì, 02 Agosto 2010 16:53
Altro in questa categoria: « Cercando Lindiwe Il viaggio capovolto »